Tu sei qui

Sapflow

 
Le misure del flusso di linfa aiutano a comprendere le relazioni tra la pianta e l’acqua, e trovano applicazione in un gran numero di settori. I differenti potenziali idrici tra suolo, pianta e atmosfera, così come le forze capillari, sono alla base del flusso, che è responsabile del trasporto di nutrienti dal suolo alle foglie ed alle cellule attive.
Ogni sensore è costituito da due aghi con termocoppie di tipo T (rame-costantana) ed un filo riscaldante. Inserendo gli aghi uno sopra l’altro nel tronco, sono collegati in modo da fornire come segnale la differenza di temperatura tra i due, che è a sua volta funzione della velocità del flusso di linfa. Teoria e principio di misura furono applicati per la prima volta dal Dr. Granier presso l’INRA di Nancy, ottenendo grande successo per costo, affidabilità e semplicità.
Nel corso degli anni il metodo ha tuttavia evidenziato alcuni limiti, legati soprattutto all’aver di proposito (e per semplicità) ignorato alcuni aspetti della fisiologia della pianta (il differenziale termico naturale tra diversi punti della corteccia, e l’esclusione teorica di traspirazione notturna).
Per ovviare a tali limiti, la UP ha sviluppato il sensore di tipo SFS4. Questo affianca agli aghi tradizionali, due termocoppie di riferimento che misurano in continuazione i gradienti naturali di temperatura all’interno del legno, che possono raggiungere 1,5°C, correggendo così i differenziali misurati dagli aghi.
 
Scheda Tecnica: 
Contatti: 

Alessia Fortunati
alessiaf@ecosearch.it
+39-075-8557558

Prodotti Collegati: 
Documentazione: 
Trovaci su Facebook
Trovaci su LinkedIn
Trovaci su Twitter

Ecosearch Srl - Loc. Corlo, 11/A - 06014 Montone (PG) | Tel +39 0759307013 | P.I. 02292010549 |

REA 207554PG | Capitale Sociale € 50400.00 i.v. | ecosearch@ecosearch.it